SUL SET – “NATALE IN CASA CUPIELLO” di EDOARDO DE ANGELIS con Sergio Castellitto, Marina Confalone, Adriano Pantaleo, Toni Laudadio, Pina Turco e con Alessio Lapice e con Antonio Milo

SINOSSI

Napoli, 1950. Il giorno di Natale è vicino e, come ogni anno, Luca Cupiello prepara il presepe; è il suo mondo perfetto, al riparo dalla realtà, dove ogni cosa trova la sua giusta collocazione. Ma a nessuno interessa. Non a suo figlio Tommasino, nonostante le sue insistenze per farglielo capire.
E nemmeno a sua moglie Concetta che ha ben altro a cui pensare: l’altra figlia Ninuccia infatti ha deciso di lasciare il suo ricco marito Nicolino per l’uomo che ha sempre amato, Vittorio, e gli ha scritto una lettera per dirglielo. Concetta riesce a evitare quella che per la famiglia sarebbe una sciagura. Ma la missiva capita nelle mani di Luca che, ignaro di tutto, la consegna al genero. Nicolino scopre così il tradimento della moglie. Durante la vigilia di Natale, la sbadataggine di Luca mette di fronte i due rivali e la realtà irrompe in casa Cupiello in tutta la sua irruenza.
Tutto sembra perduto, ma in soccorso di Luca, morente, arriva ancora una volta il suo presepe.

 

Sono in corso le riprese di
NATALE IN CASA CUPIELLO
tratto da una commedia di Eduardo De Filippo 
diretto da EDOARDO DE ANGELIS 

Il film è interpretato da Sergio Castellitto,
Marina Confalone, Adriano Pantaleo, Toni Laudadio, Pina Turco

e con Alessio Lapice e con Antonio Milo

Le riprese del film, prodotto da Picomedia di Roberto Sessa,
hanno una durata di cinque settimane e si svolgono interamente a Napoli  

L’adattamento dell’omonima commedia è firmato da
Massimo Gaudioso ed Edoardo De Angelis

DICHIARAZIONE DI EDOARDO DE ANGELIS

“In occasione della sua ultima apparizione in pubblico nel 1984, Eduardo disse che il suo cuore avrebbe continuato a battere anche dopo che si sarebbe fermato. Io oggi in questo luogo posso constatare che ha mantenuto la promessa”.

DICHIARAZIONE DI SERGIO CASTELLITTO

“Fare Natale in Casa Cupiello oggi, credo sia un gesto artistico di grande modernità. Soprattutto per questa prima stagione post-Covid…La drammaturgia eterna, archetipa dei personaggi te la ritrovi tutta nelle relazioni famigliari di oggi. Edoardo De Angelis ci sta accompagnando per mano in questa gioielleria di emozioni, e noi lì a lucidare, per noi, per lui, per Eduardo.”
DICHIARAZIONE DI ROBERTO SESSA
“Abbiamo scelto questo grande capolavoro quale primo titolo di una collezione di film per la televisione tratti dalle commedie di Eduardo De Filippo perché era nostra intenzione fare un regalo al pubblico televisivo dopo un anno così complicato e doloroso. Un progetto pensato per omaggiare il Maestro nell’anniversario dei 120 anni della sua nascita che ricorre nel 2020.”

 

 

I commenti sono chiusi.