L’attore italoamericano Robert Davi presiederà la 17.ma edizione del Los Angeles, Italia

ROBERT DAVI PRESIDENTE DI ‘L.A., ITALIA 2022’

Dal 20 al 26 marzo lo special contest per i giovani filmmakers

 

LOS ANGELES, 16 gen – L’attore italoamericano Robert Davi presiederà la 17.ma edizione del Los Angeles, Italia – Fashion and Film Arts Festival. Il classico appuntamento tricolore all’immediata vigilia degli Academy Awards (quest’anno dal 20 al 26 marzo) ospitato dal TCL Chinese Theatre di Hollywood e promosso col sostegno della Dg Cinema del MiC e di Intesa Sanpaolo.

Davi, venuto alla ribalta quale nemico di James Bond nel film, 007 – Vendetta privata (1989), nonché grazie ad altri ruoli da cattivo in analoghi film culto (I Goonies, Il figlio della Pantera Rosa), affiancherà il board di “LA, Italia (diretto da Tony Renis e coordinato dal premio Oscar Bobby Moresco) e sovrintenderà lo special contest di docu, medio e cortometraggi selezionati dalla piattaforma Filmfreeway.com e successivamente proposti al pubblico attraverso mymovies.it ed eventive.org

Tra i piu’ convinti “crooner” internazionali nel mito di Frank Sinatra, Robert Davi nasce nel Queens da Sal, siciliano originario di Torretta, e Mary Rullo, la cui famiglia era originaria di Nusco (Av). Il 21 luglio 2015 ha ricevuto la cittadinanza onoraria del comune di Torretta (di cui era originario il padre). In televisione è apparso in due episodi di Criminal Minds e ha interpretato la parte dell’agente speciale Bailey Malone della serie per la NBC, Profiler – Intuizioni mortali. Nel 2011, Davi ha partecipato, accanto ad attori come Val Kilmer e Christopher Walken, al film Kill the Irishman ed è stato tra i protagonisti di The Iceman (2012). Nel 2014, ha interpretato Goran Vata nel film I mercenari 3. Nel 2015, Robert Davi è apparso nel video musicale di Bob Dylan, The Night They Called It A Day e ha partecipato al video del brano Sopra la media di J-Ax. Nello stesso anno ha letto una serie di poesie di Gabriele Tinti al Getty Museum di Los Angeles ispirate al Pugile in riposo.

L’annuale appuntamento pre-Oscar tra cinema, musica e una celebrazione del rapporto tra l’Italia e Hollywood celebrerà, nella sua 17esima edizione, il centenario della nascita di Vittorio Gassman con una retrospettiva di film che l’hanno fatto eleggere “mattatore” dello spettacolo italiano nel mondo.

“Siamo felicissimi che Davi sia al timone di questa seconda ‘edizione complicata’ (causa pandemia) di “Los Angeles Italia Festival” perché Robert è un vero ‘italiano d’America’ che non ha mai perso contatto con la realtà della Penisola e che grazie alla sua sensibilità saprà certamente come gestire il delicato momento in cui il Festival avrà luogo” dichiara Pascal Vicedomini, fondatore e produttore della manifestazione

Robert Davi è già da tempo un membro del consiglio di amministrazione del festival, che comprende anche i produttori Mark e Dorothy Canton, ex presidente di AMPAS, Cheryl Boone Isaacs, l’italiana Marina Cicogna, Franco Nero, e i premi Oscar Bobby Moresco, Nick Vallelonga, Alessandro Bertolazzi, Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo.

I commenti sono chiusi.