“L’uomo Multi Tasking sul treno”

Da leggere,sorridere è condividere.. Prima puntata “L’uomo Multi Tasking sul treno”

Non so se vi e’ capitato di prendere un treno dove in uno dei 4 posti vi capita di avere vicino l’uomo “multitatsking”…

ora se vi capitasse di averlo vicino prima che sia troppo tardi provate a contattare il capotreno per farvi assegnare subito un nuovo posto, e’ l’unico che potrà salvarvi,perché’ altrimenti sarà la vostra fine…

L’uomo multitasking già alla partenza visualizza a distanza il proprio posto, il suo corpo si avvicina con sicurezza alla poltrona il suo cervello e’ già collegato.. arriva e stile droni lancia i componenti (il suo zaino) si posiziona e allaccia subito il caricabatterie da iphone.. si allarga con le braccia a dismisura sconfinerà per tutto il viaggio verso il vostro spazio che difenderà fino all’ultimo,dopo aver controllato l’ultimo messaggio sullo smartphone accende il pc dove inizia a lavorare, vicino ha anche un ‘agenda e a volte (anzi sempre) un secondo cellulare..ogni tanto lo sentirete parlare da solo, a volte parlerà al cellulare (probabilmente dall’altra parte non c’e’ nessuno) pronunciando termini di marketing o di analisi su dati di mercato…

Non deve mettere al pc neanche la password per il wifi di bordo perché l’ha già impostata da quando esiste il wifi sui treni, da quel momento (circa 15 minuti da quando si e’ spostato il treno dalla stazione) passera’ a muoversi a scatti (il primo step l’assestamento) sul posto..

Controllando nervosamente sia l’ipone che il pc come se avesse un countdown mentale non sta mai fermo anche i piedi si muovono, scalpita e’ nervoso,ad un tratto fa il gesto che non ti aspettavi e speravi non capitasse… chiede se lo fai passare perché deve andare in toilette controlla di non aver lasciato come screen saver accidentale qualche foto da un video di youporn e si alza…allora ti siedi sperando di allungarti per 5 minuti… ma rieccolo dopo esattamente 59 secondi, già tornato. il suo lato B non ha ancora toccato la poltrona che il pollice ha raggiunto il suo iphone nel frattempo sul suo portatile ogni tanto controlla grafici e tabelle con un’attenzione spasmodica come stesse controllando il decollo dello shuttle..

ad un tratto vai tu in bagno e al ritorno ti accorgi che ha conquistato tipo il risiko (sempre nuove posizioni) con le sue 3 armate iphone, ipad e portatile, ha l’occhio allenato quasi strabico uno controlla il pc l’altro l’iphone che segnala le ultime novità mentre alle orecchie ha le cuffiette forse ascolta il rosario di Bill Gates…,

ad un tratto si muove nervosamente …tu ti inizi a preoccupare…e tira fuori l’oggetto che non abbandonerebbe mai nella vita.. la sua pennetta Usb dove conserva tutta la sua vita passata, presente e futura (sempre la stessa) …

a 15 minuti dall’arrivo aziona i flap….prende il suo zainetto – non per lanciarsi dal treno – ma per rimettere tutto nel suo posto per consentire una discesa dal treno senza sorprese o dimenticanze… E una volta che e’ sceso i passeggeri continuano a viaggiare “distesi” e rilassati godendosi un vuoto intorno a loro meraviglioso…

S.F.

Continua con la seconda pillola…

23 ottobre “The Judge” di David Dobkin – VIDEO

23  ottobre “The Judge”  di David Dobkin  con Robert Downey Jr., Vera Farmiga, Leighton Meester (Toronto Film Festival 2014)

 

 

Sinossi: Da Warner Bros. Pictures e Village Roadshow Pictures arriva “The Judge”, con il candidato all’Oscar® Robert Downey Jr. (“Tropic Thunder”, i film “Sherlock Holmes”, la serie “Iron Man”), il premio Oscar® Robert Duvall (“Tender Mercies – Un Tenero Ringraziamento”, “Crazy Heart”) e la candidata all’Oscar®  Vera Farmiga (“Tra le Nuvole”, “L’Evocazione – The Conjuring”).
Il film è diretto da David Dobkin (“2 Single a Nozze”).
In “The Judge”, Downey interpreta il ruolo di Hank Palmer, avvocato in una grande città, che torna nei luoghi della sua infanzia dove il padre (Duvall), con cui non ha più rapporti da anni e che è il giudice della cittadina, è sospettato di omicidio.  Decide allora di scoprire la verità e in questo percorso ricostruisce i legami con la famiglia  da cui si era allontanato anni prima.
Al fianco di Downey, Duvall e Farmiga ci sono Vincent D’Onofrio (“Law & Order: Criminal Intent” per la tv), Jeremy Strong (“Zero Dark Thirty”, “Lincoln”), Dax Shephard (“Parenthood” per la tv) e il premio Oscar®  Billy Bob Thornton (“Lama Tagiente”, “Friday Night Lights”).  Nel film anche il premio Oscar®Melissa Leo (“The Fighter”, “Prisoners”), Leighton Meester (“Gossip Girl” in tv), Ken Howard (“J. Edgar”, “Michael Clayton”), Emma Tremblay (“Elysium”), Balthazar Getty (“Brothers & Sisters” in tv), David Krumholtz (“Facciamola Finita”), Sarah Lancaster (“Chuck” in tv), Grace Zabriskie (“Big Love” in tv) e Denis O’Hare (“True Blood” in tv).

“The Judge” è prodotto da Susan Downey (“Sherlock Holmes”), David Dobkin e David Gambino (“Il Buio nell’ Anima”), con Herbert W. Gains, Robert Downey Jr., Jeff Kleeman e Bruce Berman come produttori esecutivi.  La sceneggiatura è di Nick Schenk (“Gran Torino”) e Bill Dubuque,
il soggetto di Dobkin & Schenk.

Il team creativo di Dobkin comprende il direttore della fotografia premio Oscar® Janusz Kaminski (“Salvate il soldato Ryan”, “Lincoln”), lo scenografo Mark Ricker (“The Way Back”, “The Help”), il montatore Mark Livolsi (“The Blind Side”) e la costumista Marlene Stewart (“Hansel & Gretel: Witch Hunters”, “Tropic Thunder”).  Le musiche sono del compositore Thomas Newman (“Saving Mr. Banks”), dodici volte candidato all’Oscar.

 

SHOWNEWS – PROSSIME PRESENTAZIONI

Gli “Spandau Ballet” al Festival di Roma

Spandau Ballet: Il Film – Soul Boys of the Western World di George Hencken sarà presentato nel corso della nona edizione del Festival Internazionale del Film di Roma, che si svolgerà dal 16 al 25 ottobre 2014 con la direzione artistica di Marco Müller. Grazie alla collaborazione con Nexo Digital e Feltrinelli Real Cinema, il prossimo 20 ottobre i cinque componenti del gruppo – Tony Hadley, Steve Norman, John Keeble, Martin e Gary Kemp – saranno sul red carpet del Festival e presenteranno al pubblico dell’Auditorium Parco della Musica il loro film, che sarà nelle sale italiane solo il 21 e 22 ottobre.

 

L’opera prima di George Hencken – produttrice di pluripremiati video musicali, film concerto, documentari su alcune figure chiave della scena musicale moderna e contemporanea come Jimi Hendrix, Sex Pistols, Madness, Dr. Feelgood – narra la repentina ascesa e il successivo declino degli SpandauBallet, band di ragazzi della classe operaia londinese divenuta simbolo di un’intera generazione. I protagonisti si raccontano a trent’anni di distanza dai loro maggiori successi, attraverso video di concerti, interviste, filmati personali e materiale inedito: un viaggio nella musica, nella cultura e nella storia degli anni ’80 raccontato attraverso lo sguardo e le canzoni di un gruppo capace di conquistare la vetta delle classifiche mondiali vendendo venticinque milioni di dischi e piazzando ventitré singoli nella hit parade. I classici degli Spandau Ballet sono stati utilizzati come colonna sonora di film e serie televisive come I SimpsonsSpin CityCharlie’s AngelsPrima o poi me lo sposoUgly Bettye negli spot pubblicitari di alcuni celebri marchi noti in tutto il mondo; numerose cover dei loro brani sono state realizzate da artisti come Nelly, Paul Anka, Lloyd & Lil Wayne, Black Eyed Peas.

 

Il 13 ottobre arriverà negli store italiani “The Very Best of Spandau Ballet: the Story” (Warner Music Italia), contenente tre brani inediti (tra cui il primo singolo estratto dall’album ‘This is The Love’ assieme a ‘Steal’ e ‘Soul Boy’) prodotti dal leggendario Trevor Horn.

 

Soul Boys of the Western World

Diretto da George Hencken, Regno Unito, 2014, 106’

Cast: Tony Hadley, John Keeble, Gary Kemp, Martin Kemp, Steve Norman

Un viaggio nel cuore degli anni ’80 con una delle band più iconiche del decennio, gli Spandau Ballet.

Questo film unico racconta la storia di un gruppo di ragazzi della classe operaia di Londra che ha creato un impero musicale globale, ma ad un prezzo che nessuno di loro avrebbe mai potuto immaginare.

Gli Spandau Ballet diventarono i pionieri dell’epoca del nuovo pop destinato ad attraversare il globo: a metà degli anni ’80 insieme ai Duran Duran, Sade, Culture Club, Wham! (e a decine di altre band britanniche) erano delle star riconosciute a livello mondiale. Questo film conduce lo spettatore nel cuore di quell’epoca, raccontando inoltre il panorama culturale e politico che fa da sfondo alla storia della band. È un film che parla non solo ai fan degli Spandau Ballet o a coloro che nutrono nostalgia per gli anni ‘80, ma a chiunque abbia mai sperimentato l’amicizia. E il dolore che la sua fine comporta.

 

 

Up&Down fiction italiana

Up&Down fiction italiana


Prime serate di fiction italiana sopra il 21%  di share. Ascolti e share dal 1/08/2013  

1)  18/9, RAI 1, UN’ALTRA VITA  , 21:22:00, 6384, 25.39.

2) 11/9, RAI 1, UN’ALTRA VITA  , 21:17:39, 6116, 25.5.    


Prime serate di fiction italiana sotto il 21%. Ascolti e share dal 1/08/2013  


1)  3/9,  Canale 5, I CESARONI 6, 4781, 20.85. 


2) 15/9, Canale 5,  SQUADRA ANTIMAFIA 6, 21:23:10, 4334,18.02.  


3)  21/9, RAI 1, IL RESTAURATORE 2,  21:28:43, 3832, 17.6. 


4)  7/9,  RAI 1, IL RESTAURATORE 2, 21:27:57, 3386, 17.29.


5) 8/9, Canale 5,  SQUADRA ANTIMAFIA 6 21:21:13, 4001, 17.29. 


6)   14/9, RAI 1, IL RESTAURATORE 2, 21:30:34, 3619, 16.05. 


7)  17/9, Canale 5,  I CESARONI 6, 21:24:26,3952, 16.05.

16 ottobre “La moglie del cuoco ” – VIDEO

16 ottobre  “La moglie del cuoco ”  di Anne Le Ny con   Karin Viard, Emmanuelle Devos, Roschdy Zem  - Teodora

 

 

Sinossi:

 

Marithé lavora in un istituto di formazione per adulti e aiuta gli altri a trovare la loro vera vocazione. Un giorno si presenta Carole, moglie complessata che vive all’ombra del marito, Sam, uno chef di fama. Marithé decide di aiutarla a emanciparsi e l’impresa riesce a tal punto che Carole decide di lasciare Sam. Nel frattempo però le cose si complicano, perché Marithé non è insensibile al fascino dell’uomo…

Un gioiello di divertimento tutto al femminile, impreziosito dalle interpretazioni di tre dei maggiori divi francesi di oggi, Emmanuelle Devos, Karin Viard e Roschdy Zem.

CASTING IN CORSO ……ALCUNI IN CHIUSURA… CINEMOTORE PROFESSIONAL

 

I DUE VOLTI DI GENNAIO: Videa e UCI Cinemas mettono in palio un viaggio ad Atene!

DAL 9 OTTOBRE GUARDA I DUE VOLTI DI GENNAIO

IN UNO DEGLI UCI CINEMAS, CONSERVA IL BIGLIETTO E

INSERISCI I DATI SUL SITO

WWW.IDUEVOLTIDIGENNAIO.IT

Concorso valido dal 09/10/2014 al 02/11/2014. Totale montepremi Euro 750,00

Regolamento completo su www.iduevoltidigennaio.it

 

PREMI

1 vacanza culturale ad Atene per 2 persone che comprende: Voli Aegean Airlines a/r in classe economica Italia/Atene, 3 pernottamenti presso l’Hilton Athens Hotel, in camera doppia con trattamento di pernottamento e prima colazione, n. 2 biglietti d’ingresso per sei musei. Sono comprese le tasse aeroportuali, l’adeguamento carburante e l’assicurazione obbligatoria sul volo.

 

IL FILM

Grecia 1962. Tre esistenze si incrociano in un torbido triangolo: quella di Chester (Viggo Mortensen), elegante e carismatico consulente d’affari americano, di sua moglie Colette (Kirsten

Dunst), giovane seducente e inquieta, e di Rydal (Oscar Isaac), una guida turistica in fuga dai fantasmi del passato. Tra le rovine del Partenone, Rydal resta affascinato dalla bellezza di Colette e impressionato dalla ricchezza e raffinatezza del marito. Ma non tutto è come sembra: l’apparente affabilità di Chester nasconde un labirinto di segreti, sangue e bugie. Gli eventi prendono una piega sinistra e, dopo un omicidio, in un crescendo di tensione e mistero, nessuno dei tre avrà più sotto controllo le proprie emozioni e i propri istinti…

Tratto dall’omonimo romanzo di Patricia Highsmith (pubblicato da Bompiani) autrice de Il Talento di Mr Ripley, I DUE VOLTI DI GENNAIO è un thriller diretto dallo sceneggiatore di Drive, Hossein Amini, e realizzato dai produttori de La Talpa.